“I Mondiali… del caffè”

Contagiati dall’entusiasmo per i mondiali, scopriamo come i diversi Stati “se la giocano” nel campo del caffè!

Tempo di mondiali.
Mentre assistiamo con il fiato sospeso alle partite della nostra squadra del cuore, c’è una sfida che si gioca su un campo a noi ben noto: quella degli specialisti del caffè!
Quale nazione vincerà?

Secondo i dati dell’International Coffee Organization 2017, se tutti bevessimo caffè espresso ci sarebbero 1.357 miliardi di espressi consumati ogni anno in tutto il mondo, pari a circa 9,5 milioni di tonnellate. Ma, come ben sappiamo, non c’è solo il caffè espresso e ogni Paese ha preferenze e gusti diversi.
Che sia corto, lungo, macchiato o Americano, il caffè è diffuso in tutto il mondo ed è la terza bevanda più consumata a livello globale dopo l’acqua ed il tè. A tal proposito, il record per il più elevato consumo di caffè pro-capite al mondo, pari a 12 Kg annui, è dei Paesi Scandinavi, seguiti da Paesi Bassi (8,5 Kg) e dalla Svizzera (8,9 Kg).

A livello di produzione al primo posto troviamo il Brasile, con 3.3 milioni di tonnellate l’anno, seguito da Vietnam (1,5 mln tons), Colombia (0,9 mln tons), Indonesia (0,7 mln tons) e Honduras (0,5 mln tons). I primi sei Paesi produttori di caffè coprono insieme il 73% della produzione totale.

Se spostiamo la partita sul campo del consumo ci sorprenderà che l’Italia, patria dell’espresso, sia ‘solo’ al sesto posto con 0.3 milioni di tonnellate di caffè consumate ogni anno. Sul podio troviamo invece gli Stati Uniti con 1,6 milioni di tonnellate di caffè, il Brasile (1,2 mln tons) e la Germania (0,6 mln tons). Seguono poi il Giappone (0,5 mln tons) e la Francia (0,4 mln tons).

Infine, osservando il dato della grande distribuzione si evince che il mercato del caffè globale è in crescita, trainato principalmente dai Paesi Emergenti, come Africa (+4,8%), Asia ed Oceania (+4,5%) mentre crescono ad un tasso ridotto i Paesi dell’America Latina (+1,7%).

Ecco tutti i dati sui “mondiali del caffè” nella nostra infografica:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *